La dalia, nome scientifico Dahlia pinnata, fu chiamata così in onore di un discepolo dello scienziato Linneo che si chiamava Dahl. Si pensa che sia originaria del Messico e che sia stata importata in Europa verso la fine del 1700. La pianta fa fiori bellissimi, di diverso colore e di diversa grandezza. Vediamo insieme come duplicarla.

Se vuoi duplicare la pianta per talea, devi disotterrare dal terreno i suoi grossi tuberi nel periodo successivo la fine della fioritura e cioè nei mesi autunnali.
Noterai che ce ne sono diversi, attaccati tutti l’uno all’altro in un unico gruppo.
Poni l’intero gruppo (senza dividere i bulbi) in un vaso piatto e coprili interamente con del buon terriccio.
Metti il vaso in un luogo riscaldato.

Quando noterai che dalla terra stanno spuntando delle foglioline, vorrà dire che la pianta sta germogliando.
Quando i germogli sanno lunghi una decina di centimetri potrai, aiutandoti con un coltellino, staccarne qualcuno e ripiantarlo (talea) in un vasetto o ciotolina di terracotta contenente della torba.

Posiziona le tue nuove piantine in un luogo luminoso, con temperatura oscillante tra i 18 ai 21 gradi e mantieni il loro terreno costantemente umido.
Se preferisci moltiplicare la tua dalia per divisione dei tuberi fai così, prendi i tuberi dell’anno precedente (che dovranno essere stati conservati in un luogo asciutto e buio), dividili l’uno dall’altro e piantali nella terra a primavera.